#sardefritte

Sarde Croccanti al Finocchietto e Pesto di Noci e Basilico


Pensare all'aperitivo non è mai troppo presto e soprattutto non è mai troppo presto pensare al weekend - e se pensassimo ad un pre-weekend croccante? Il mercato della mia città è sempre l'occasione giusta per acquistare del pesce, prezzi adeguati e ottima qualità ed è proprio al banco del pesce che quasi ogni settimana mi fermo e faccio sempre scorta uno dei miei pesci preferiti sono le sarde, piccole e duttili in cucina si prestano in tutte le preparazioni dall'aperitivo al secondo, pesce azzurro che regala sapore e gusto, il segreto? Trattare poco e bene gli ingredienti, pronti con il vostro taccuino?

INGREDIENTI PER 6 PERSONE
30 Sarde (circa 5 a testa)
2 Uova
Semola Rimacinata qb
Olio di Semi d'Arachidi 1 lt
Finocchietto Selvatico
Foglie di Basilico
100 g di Gherigli di Noce
Olio d'Oliva
Sale
Pepe

PROCEDIMENTO
Come prima cosa mette in ammollo in acqua fredda i gherigli di noce, questo li ammorbidirà favorendo il passaggio dove realizzerete il pesto. Quindi procedete a pulire le sarde, se ovviamente il pescivendolo non lo ha fatto. Sotto l'acqua corrente staccate la testa e con il pollice proseguite nel ventre, sciacquatele e disponetele su un canovaccio ad asciugare.
Dopo di che in un tegame dai bordi alti mettete l'olio di semi d'arachidi - ha un punto di fumo più alto - e portatelo a calore. Tritate non troppo finemente il finocchietto e unitelo alla semola rimacinata, sbattete a questo punto le uova e siete pronti al passaggio più divertente.
Una ad una tuffate le sarde nell'uovo sbattuto e passatele nel mix di semola-e-finocchietto procedete così fino a che non avrete terminato le sarde, controllate il calore dell'olio e quando sarà a temperatura, pochi pezzi alla volta, e procedete a friggere, le sarde dovranno essere dorate e croccanti un paio di minuti per lato e munitevi di piatto coperto da carta assorbente.
Ultimo step il "pesto" togliete un po' di acqua dove avete fatto ammollare le noci, unitevi le foglie di basilico e l'olio d'oliva, frullatore ad immersione e ottenete una crema leggermente omogenea - ma ancora granulosa - non troppo compatta, e siete pronti per servire l'aperitivo: un buon bianco frizzante, un crostone di focaccia, il vostro "pesto" ed in cima lei: croccante, dorata e succosa. Stupire? Requisiti fondamentali per l'aperitivo!



Scrivi commento

Commenti: 0