#VeganChili

Chili di...Tofu


Quando sono stato negli Stati Uniti, ho avuto occasione di assaggiare la versione originale, che prevede ovviamente la carne. Ma questa versione che vi porto è diversa dal solito, come avete potuto leggere dal titolo - seppur non seguo una dieta vegana, adoro sperimentare cose nuove e giocare con i sapori e i colori. Ovviamente essere vegano non è una moda, non è cool dire di essere vegano, assolutamente è una filosofia che ammiro per la costanza, ma questo ti spinge e mi spinge a trovare degli accorgimenti e così ecco una versione molto saporita e altrettanto goduriosa del classico Chili, siete pronti con il vostro taccuino e dei croccanti nachòs da affondare in questa pietanza? 

INGREDIENTI per 4 Persone
1 Saponetta di Tofu;
1 Peperone Corno di Bue:
200 g di Fagioli Rossi;
100 g di Mais cotto al Vapore;
1 Cipolla Rossa;
2 Spicchi di Aglio;
Origano Fresco;
Passata di Pomodoro;
Concentrato di Pomodoro;
Pomodorini Ciliegino;
Sale Affumicato;
Paprika;
1 Peperoncino;
Olio d'Oliva;

PROCEDIMENTO
Come prima cosa realizzate un trito con il peperoncino e qualche foglia di origano - lo uso per dare maggiore profumo. Quindi fate scaldare dell'olio d'oliva in un tegame antiaderente e quando sarà ben caldo aggiungete il trito prima realizzato e gli spicchi d'aglio, li ho lasciati interi perché voglio che diano solo sapore e poi questi li toglierò. 
Aggiungete la cipolla, prima tagliata metà e poi affettata finemente, abbassate la fiamma e fate andare il tegame, bagnate la cipolla con il concentrato di pomodoro leggermente diluito in acqua, colorando così leggermente il tegame. In successione aggiungete il peperone tagliato a tocchetti e fagioli rossi, quindi rabboccate con la passata di pomodoro, non dovrà essere troppo liquido il tutto. Coprite il tegame e fate cuocere per circa un quaranta minuti, la passata di pomodoro dovrà ritirarsi e inspessirsi, per dare maggiore sapore e colore ho aggiunto dei pomodori ciliegino tagliati in quattro, per la nota di profumo ho inserito altre foglie di origano fresco.
Procedete ora con l'aggiungere la "carne" quindi dopo aver tamponato con la carta da cucina la saponetta - sì in gergo viene chiamata così, non vi preoccupate - tagliatela in striscioline e dopo di che realizzate un battuto, aggiungetela al tegame e mescolate. Aggiustate come spezie che in questo piatto sono fondamentali, e in ultimo il mais: aggiungetelo in due riprese in modo che possa dare uno stacco di colore ed equilibrare la corposità del gusto, anche se la chiave di tutto è proprio il gusto.
Trascorsi quindi i quaranta minuti spegnete il fuoco e lasciatelo leggermente raffreddare, preparate se volete delle tortilla o dei nachòs da intingere in questo stufato rustico ma davvero saporito e di condivisione perché il bello è portarlo in centro del tavolo e far attingere i commensali al tegame comune, una buona birra o è perfetta per gustarsi una serata in tranquillità e compagnia;



Scrivi commento

Commenti: 0