#CappellettiAvanzi

Cappelletti Bicolore ripieni con Stinco, Patate e Ricotta


Gli avanzi, un vero tesoro in cucina - anche se molti non li considerano, anzi tutt'altro è possibile assolutamente dare nuova vita al cibo che avanza e trasformarli in qualcosa di totalmente nuovo, ricco di sapore e tecnica. Come in questo, lo direste mai che stinco e patate arrosto possono trasformarsi in un ripieno di un cappelletto? Sì pasta fresca fatta in casa, cosa c'è di meglio? Insomma volete stupire i vostri commensali servite questo piatto elegante, tecnicamente elevato e davvero molto gustoso equilibrato come sapori e che davvero farà del #avanziatavolaconwilli un vostro fiore all'occhiello, quindi mano ai vostri taccuini e segnate bene gli ingredienti!

INGREDIENTI
300 gr di Farina Bianca '00'
3 Uova Intere
Colorante Verde 
Stinco già cotto
Patate Arrosto
100 g di Ricotta 
Pecorino
Latte
Sale
Noce Moscata

PROCEDIMENTO
Ovviamente gli ingredienti del ripieno essendo già cotti è la prima cosa che dovete realizzare: frullate lo stinco, le patate e la ricotta fino ad ottenere un composto cremoso e omogeneo, quindi tasferitelo in una sacca poche, sigillate bene e riponete in frigo - eventualmente potete aggiungere qualche goccio di latte per renderlo più morbido.
Quindi ora occupatevi dell'impasto, essendo bicolore dividete la farina e le uova (vi conviene sbatterle e separarle) nella seconda metà aggiungete il colorante, io ho scelto quello verde ma se volete potete lasciare anche un solo colore. Dopo aver impastato entrambi le ciotole lasciateli riposare, dopo di che iniziate a stendere la pasta - ovviamente se avete dimestichezza potete usare il classico mattarello. Oppure come il sottoscritto la nonna papera è sempre utile, fino ad ottenere un livello di una moneta. Dopo di che tagliate la sfoglia ottenuta a liste di circa due dita, disponete le liste alternate quindi date un ultima passata uniformando la sfoglia.
Tagliate dei dischi di pasta fresca con un coppa pasta, e con la sacca poche create delle piccoli porzioni di ripieno, sigillate bene i bordi creando una mezzaluna e procedete a pizzicare le estremità e avrete il vostro cappelletto, e procedete così fino ad esaurire l'impasto. 
Lessate quindi i cappelletti in acqua a bollore e sale, nel mentre che questi raggiungono cottura fate scaldare del latte e grattugiate il pecorino all'interno creando così una piccola fonduta, aggiustate con noce moscata per dare maggiore profumo, controllate la cottura dei vostri cappelletti, una volta raggiunto il punto di cottura scolateli e conditeli semplicemente con del burro, quindi fonduta sul fondo del piatto e disponete i cappelletti e potete portare in tavola una golosità tecnica e realizzata con dei semplici avanzi;



Scrivi commento

Commenti: 0