Risotto alle More e Gamberi


Ingredienti
200 gr. di Riso Arborio;
50 gr. di More;
150 gr. di Gamberi;
1 Scalogno;
1 Noce di Burro;Olio d’Oliva q.b.
Sale e Pepe;
Paprika q.b.
1 Bicchiere di Vino Bianco;




Procedimento
Tritate finemente lo scalogno – dopo ovviamente averlo pulito e pelato. Scaldate dell’olio d’oliva in un tegame e aggiungetevi lo scalogno e fatelo rosolare – prima – e stufare leggermente poi. Aggiungete a questo punto il riso e fate tostare il chicco per due minuti al massimo, sfumate quindi con del vino bianco e iniziate a bagnare il riso con dell’acqua calda – se volete potete realizzare un brodo vegetale con sedano carota e cipolla, ma anche dell’acqua calda sarà perfetta –
Lavate bene sotto l’acqua le more, ed eliminate il guscio dai gamberi di alcuni lasciate intatta la coda e la testa eliminando però la corzza sul dorso, questi serviranno come decoro nel piatto. Fate particolare attenzione all’intestino interno che deve essere tolto.  A questo punto tagliate grossolonamente le more e tuffatene una parte nel riso, queste doneranno il pigmento violaceo mescolate bene il tutto e aggiustate quindi come sale e pepe. Sfumate con il brodo e continuate la cottura fino a quando il chicco non risulterà morbido. A questo punto mettete le ultime more e aggiungete i gamberi tagliati a tocchetti.
In una padella fate sciogliere del burro – una semplice noce – aggiungete la paprika, e fatevi saltare i gamberi prima puliti solo il torso. Questi prenderanno un bellissimo colore ambrato che saranno perfetti.
Mantecate a questo punto con una noce di burro il risotto che deve risultare all’onda, mescolate bene in modo che tutta la noce venga assorbita e siamo pronti per impiattare – qua potete scegliere o un rosso o un bianco – sapete bene che i miei gusti, soprattutto d’estate: Bianco! Io l’ho voluto impiattare creando una copolotta, con una mora sopra e i due gamberi affianco per dare un tocco di eleganza ma pur restando semplice e un piatto che tutti possono fare – Quindi, ditemi la vostra in merito

Scrivi commento

Commenti: 0