Quando uno Spatzle fa Primavera...















Ingredienti

X gli Spaztle
150 gr. di Farina Bianca tipo “00”;
1 Uovo;
50 ml di Acqua a Temperatura Ambiente;
1 Cucchiaino di Curcuma;
Sale q.b.
X il Sugo
1 Cipollotto;
1 Mazzetto di Asparagi;
Pomodorini Ciliegino q.b.
Provola Affumicata o Dolce;
Olio d’Oliva;
Sale e Pepe q.b.


Procedimento
Iniziate dalle verdure: quindi pulite gli asparagi, spezzateli e pareggiate il taglio in modo da avvere tutti quanti lunghi uguali aggevolando la cottura. I pomodorini tagliateli in quattro privandoli dei semi interni. Fate quindi sobbollire dell’acqua, legate assieme gli asparagi e tuffateli all’interno del tegame in modo che possano ammorbidirsi per qualche minuti.
Quando questi risulteranno morbidi, toglieteli dal tegame e tagliate li a tocchi – tenendo da parte le punte.
Fate scaldare dell’olio in un tegame e tritate finemente il cipollotto: rosolatelo per qualche secondo, un mestolino di acqua di cottura e dopo di che fatelo stufare rendendolo quasi una crema. Tuffatevi i pomodorini e successivamente gli asparagi. Aggiustate come sapore: sale e pepe quindi, in base ai vostri gusti.
A questo punto potete creare l’impasto pergli Spatzle: Unite l’uovo con l’acqua, sbattendolo leggermente. Salatelo e “coloratelo” con la curcuma. A questo punto aggiungete la farina poco alla volta. L’impasto dovrà essere legato ma non solido tendenzialmente liquido. Munitevi quindi di uno schiaccia-patate oppure dell’attrezzo giusto per gli spatzle: tipo una mandolina con in cima un cassetto e una base forata. Mettete l’impasto all’interno e dai fori pioveranno all’interno del tegame – quello dove avete lessato gli asparagi andrà pià che bene – delle gocce d’orate che a contatto con il bollore dell’acqua rapprenderanno. Qualche minuto: uno o due e potete trasferirli nel tegame con il vostro “sugo di primavera” – controllate bene i sapori e aggiustate le eventuali mancanze. Radunate gli amici, stappate un buon vino una bella spolverizzata di scamorza dolce o affumicata, grattugiata con la grattugia che taglia e non raspa – generalmente quella a forma di coltello è perfetta. Per ultimare un piatto profumato, equilibrato e saporito!

Scrivi commento

Commenti: 0