Camille

le #camille...di casa lapaglia


Più che una ricetta, è un vero ricordo di quando ero piccolo. Le divoravo, adoravo questo tipo di merendine, e così durante una giornata di pioggia ho realizzato le mie Camille - Facendo un po' di ricerche su internet ce ne sono davvero un miliardo di versioni. E quella che vi presento è la mia, dopo di questa volta ne ho realizzate altre per la colazione in ufficio e per una dole coccola pomeridiana. Insomma come sempre: Perchè comprarle quando puoi realizzarle? E quindi miei cari, pronti con il vostro taccuino?


INGREDIENTI

150 gr. di Mandorle;

3 Uova Intere;

1 Carota;

1 Cucchiaio di Zucchero a velo;

150 gr. di Zucchero Semolato;

100 gr. di Burro;

Amido di Mais q.b

.Lievito per dolci vanigliato;

PROCEDIMENTO

Prima di preparare il tutto date un bollore alla carota, rendetela morbida - ovviamente va sbucciata e mondata - dopo di che lasciatela un po' a raffreddare tagliatela a tocchi. Mettetela nel bicchiere del mixer e insieme allo zucchero a velo e le mandorle - se volete potete tostarle, frullate il tutto ma non troppo i pezzi devono percepirsi. Scaldate nel mentre il forno a 200°C e fate sciogliere il burro (io lo faccio sciogliere nel forno a micro onde) - A questo punto potete iniziare a preparare il composto per le Camille.

Mescolate burro fuso e zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo. Dopo di che unitevi gli ingredienti prima frullati e mescolate insieme. Le uova e per ultimo l'Amido di Mais mescolate insieme al lievito per dolci. Questo darà leggerezza al composto e amalgamerà tutti gli ingredienti alla perfezione - Mescolate bene il tutto, per comodità io ho usato uno di quei bicchieri graduati con il beccuccio in modo che quando li verserete nei pirottini non farete molta fatica.

Disponete quindi i pirottini (di carta sarebbe meglio, da l'effetto originale) e versatevi il composto - ovviamente non dovete riempire di molto i pirottini, in cottura gonfieranno. A questo punto infornate il tutto a 180°C forno statico: per i primi 10 minuti mettete solo il calore sotto - in questo modo spingerà il vostro composto a gonfiarsi, dopo di che il calore su entrambe le parti (sotto e sopra) in modo da fissare la cottura e creare una crosticina lasciando un cuore leggero e compatto.

Una volta che saranno ben cotte e dorate, toglietelie dal forno e lasciatele su una gratella a raffreddare - questo passaggio è fondamentale perchè essendo pirottini di carta se si forma dell'umidità diventeranno molli. Se volete potete aggiungere dello zucchero a velo in superfice, ma la vera Camilla è così.. semplice, profumata e soprattutto di casa!

Scrivi commento

Commenti: 0